CHIUDI

La libreria più lunga del mondo sotto i portici di via Roma, piazza San Carlo, piazza Carlo Felice

Portici di Carta 2016: Eco, Ferrante e Zagrebelksy gli autori più venduti.
E Torino dona 1.500 libri alle Marche terremotate

La decima edizione di Portici di Carta si è conclusa nella serata di domenica 9 ottobre 2016 alla presenza della Sindaca di Torino, Chiara Appendino. Grande afflusso di pubblico e notevoli risultati di vendite da parte dei 130 editori e librai presenti sui due chilometri del percorso.

Un successo rafforzato anche dalla collaborazione con altre istituzioni culturali torinesi che hanno contribuito ad arricchire il programma con iniziative ed eventi molto apprezzati: la grande festa di sabato sera in piazza San Carlo per festeggiare il doppio anniversario di Portici e del Circolo dei lettori, le esibizioni spettacolari offerte dal Centro Interculturale della Città di Torino, gli eventi al Gazebo Sambuy curati dall’Associazione Il Giardino Forbito.





Umberto Eco: gli anni torinesi

 

Gli studi all’Università, la goliardia al Collegio Einaudi di via Galliari, la laurea in filosofia nel 1954, le prime prove di studioso, il cenacolo dei «ragazzi di via Po», la straordinaria avventura in Rai che cambiò il volto della radiotelevisione italiana. Torino è l’alma mater di Umberto Eco: città fondativa che riaffiorerà in tante sue opere nell’arco di una vita.

Portici di Carta - insieme ad amici e testimoni - ricorda con due eventi e nelle Passeggiate gli anni e i luoghi torinesi del grande scrittore e intellettuale scomparso il 19 febbraio 2016.